Articolo di sabato 26 maggio2012


Buona, Rossa e dolce: alla ciliegia non si può resistere



se in tavola trionfano loro…. beh allora è il segno che finalmente l’estate è arrivata.
Irresistibile la ciliegia trionfa nel menù dei ristoranti che la propongono come ingrediente principale, dall’antipasto al dolce.


La Ciliegia annuncia l’arrivo dell’estate e dai pochi giorni ha fatto puntuale la sua comparsa sui tanti banchetti che punteggiano la Bazzanese, la strada che da Casalecchio a Vignola collega la zona tipica della produzione di questa prelibatezza raccolta nei 28 comuni che fra bolognese e modenese sono rappresentate dal Consorzio della ciliegia tipica.

Difficile resistere alla tentazione di gustarla appena colta, specie se si tratta di una primizia come la varietà Bigarreau, la prima a maturare sui grandi alberi, che dopo la caratteristica fioritura primaverile ora ci regalano frutti dalle singolari caratteristiche nutrizionali. Ricche di zuccheri semplici facili da digerire, sali minerali e vitamine, si caratterizzano per una buona dotazione di carotenoidi e politenoli, sostanze che danno il caratteristico colore rosso più o meno intenso e che nell’organismo svolgono una buona azione antiossidante. In sintesi: un’attrazione da assecondare senza timore di esagerare quando “una tira l’altra”.


Unico neo per il consumatore: il prezzo che specie nei primi giorni si fa sentire nel portafoglio. “Quest’anno la legagione non è stata abbondante quindi le ciliegie sono generalmente molto belle, ben nutrite, ma poche, e questo giustifica i primi prezzi mediamente più alti dell’anno scorso” spiega Roberta Rossi, frutticoltrice di Bazzano che dagli inizi di maggio agli inizi di luglio porterà al mercato una trentina di diverse varietà di ciliegie. “ le primizie sono quelle di Bigarreau, frutto brillante e dolce, che nella nostra terra dà ottimi risultati di gusto”.

Questo è uno degli appuntamento da non perdere con L’Azienda agricola di Roberta Rossi che oltre alle ciliegie, ha piante di pesche, susine, albicocche e duroni.

Guarda l'articolo delle ciliegie sul giornale-->